La leggenda dietro l’omino di pan di zenzero, il biscotto di Natale

L’omino di pan di zenzero è il biscotto delle Feste, soprattutto di quelle natalizie, buono da mangiare, ma soprattutto bello da vedere è anche il protagonista di molti racconti per bambini. Scopriamo insieme come nasce e quale leggenda si nasconde tra la....

L’omino di pan di zenzero o Gingerbread man è un tipico dolce natalizio, ma diverse versioni si possono ritrovare anche a Pasqua o Halloween. Molto diffuso nei paesi del Nord Europa, è un biscotto che ritroviamo anche in Italia, dove assume forme diverse, come la stella, la renna, la zucca, la campana o il coniglietto, a secondo dell’evento che si festeggia. Ma la sua versione più celebre è riconoscibile è sicuramente quella con sembianze umane. Protagonista di molti racconti e cartoni, l’ultimo in ordine di tempo lo abbiamo visto nella saga cinematografica Shrek. Ma qual è la sua origine?

Storie e racconti

Quando la regina Elisabetta I aveva importanti ospiti a corte offriva spesso loro dei biscotti aromatizzati allo zenzero, la cui particolarità era tutta nella forma. I biscotti, infatti, avevano sembianze umane stilizzate e suscitavano l’ilarità dei commensali proprio per questa loro particolarità.

Dall’Inghilterra del XVI secolo al 1875, quando in una storia pubblicata su San Nicola, il vescovo santo protettore dei bambini, che ispirò la leggenda di Babbo Natale, comparve proprio l’omino di pan di zenzero della regina.

Nella storia una anziana coppia, senza figli, decise di cucinare un biscotto dalle sembianze umane e di accudirlo come un bambino vero, ma il biscotto di pan di zenzero, una volta cotto, riesce a scappare e a girare per il paese ripetendo a chiunque incontrasse, contadini o animali, una specie di nenia:

Sono scappato da una vecchia donna e da un vecchio uomo, posso scappare da tutti, posso scappare da te.

Io posso. Corri, corri tanto non mi prenderai io sono l'omino di pan di zenzero". Quando, poi, una volpe riesce a catturarlo e a mangiarlo, pezzo dopo pezzo, l’omino di pan di zenzero grida disperato:

Non ho più un quarto di me…Non ho più metà di me......Non ho più tre quarti di me….Non ci sono più!”

Da questa storia ne nacquero moltissime altre, differenti da paese a paese, spesso con risvolti inquietanti, come nella fiaba ungherese "The Little Dumpling", in cui il protagonista, una sorta di gnocco di pane, non viene mangiato, ma divora le persone che incontra durante la sua fuga, fino a quando un guardiano di maiali riesci con il suo coltello a liberare dalla pancia della strana creatura tutti i poveri malcapitati che tornano a casa vivi e vegeti.

La ricetta

Se volete creare dei meravigliosi omini di pan di zenzero, magari facendovi aiutare dai vostri piccoli, assicuratevi che porte e finestre siano chiuse così non potranno fuggire via. Scherzi a parte, abbiamo scelto tra decine di ottime ricette, la versione di Sonia Peronaci. Questi gli ingredienti per circa 35 biscotti:

Per i biscotti vi occorrono

farina 00 300 g
zucchero a velo 80 g
burro 130 g
1 tuorlo di uovo medio
miele 60 g
melassa* 20 g
sale 1 pizzico
bicarbonato 2 g (2 cucchiaini da caffè rasi circa)
cannella in polvere 2 g (2 cucchiaini da caffè rasi circa)
noce moscata in polvere 0,5 g (1/2 cucchiaino da caffè raso circa)
zenzero in polvere 2 g (2 cucchiaini da caffè rasi circa)
chiodi di garofano in polvere 1,5 g (1 cucchiaio da caffè raso circa)

Per la ghiaccia reale vi occorrono

albume 30 g (di 1 uovo medio)
zucchero a velo 150 g
gocce di succo di limone 3-4

Per conoscere tutte le fasi di preparazione e i consigli utili, potete consultare il suo sito web.

Allora, buon lavoro care mamme e buon appetito!!!